Spunti sul collezionismo vercellese tra Cinque e Seicento