La cooperazione delle aree protette piemontesi vista da Nord