«Mondi ignoti e inesplorati». Francesco De Sanctis e «la vaghezza di studiar le cose»