L’adozione dell’identità assira da una parte della Chiesa siro-orientale, il genocidio del 1915 e la diaspora