Rodolfo Walsh, o sul dovere della testimonianza e sulle possibilità della finzione