Attori del divenire. Aristotele e i nuovi profili della mimesi