Nietzsche, Darwin e la postumanità