Nel suo commento a Demostene, Didimo afferma, in maniera del tutto isolata rispetto al resto della documentazione disponibile, che ad Atene i ragazzi raggiungessero la maggiore età a 14 anni, un errore che è stato variamente spiegato ipotizzando una confusione con il diritto spartano o con la suddivisione soloniana in classi di età di 7 anni ciascuna, ma che potrebbe invece essere da mettere in relazione con il diritto romano, che fissava la fine della tutela dei ragazzi al raggiungimento della pubertà a 14 anni, una confusione più comprensibile per il grammatico alessandrino di età romana rispetto a quella con il diritto spartano.

Harp., sv. epidietes hebesai: a proposito della maggiore età ad Atene secondo Didimo

VALENTE, Marcello
2013

Abstract

Nel suo commento a Demostene, Didimo afferma, in maniera del tutto isolata rispetto al resto della documentazione disponibile, che ad Atene i ragazzi raggiungessero la maggiore età a 14 anni, un errore che è stato variamente spiegato ipotizzando una confusione con il diritto spartano o con la suddivisione soloniana in classi di età di 7 anni ciascuna, ma che potrebbe invece essere da mettere in relazione con il diritto romano, che fissava la fine della tutela dei ragazzi al raggiungimento della pubertà a 14 anni, una confusione più comprensibile per il grammatico alessandrino di età romana rispetto a quella con il diritto spartano.
295
303
Valente, Marcello
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1534563
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact