Inconvertibilità e différance. La decostruzione tra nichilismo finanziario e dono