Storicamente, il sistema sanitario elvetico si è sviluppato secondo principi politici ed ideologici che sono ancora oggi alla base della normativa in materia e che pongono in evidenzia quattro principali caratteristiche: la posizione predominante della medicina curativa, il federalismo che attribuisce un ruolo sussidiario alla Confederazione, il liberismo che determina una prevalenza del settore privato, corretto e limitato da una concezione sociale dello Stato. Federazione e Cantoni, negli ultimi due secoli, hanno poi avviato una collaborazione tra i diversi livelli governativi, che risulta oggi ulteriore elemento caratterizzante il sistema sanitario elvetico. A livello costituzionale, non esiste un diritto alla salute paragonabile al nostro art. 32 Cost., esistono però più disposizioni che attribuiscono alla Confederazione specifiche competenze nel settore della sanità. In esso prevale un modello liberale, improntato su di un sistema di assicurazione obbligatoria diretta alla soddisfazione dei bisogni della collettività; la funzione statale è volta a garantire che le spese, sostenute dai singoli per le prestazioni sanitarie, vengano coperte dai soggetti assicuratori, e pertanto non viene individuato nello Stato il soggetto erogatore di prestazioni e servizi. Trattandosi però di un settore a rilevanza pubblicistica, che riguarda l’insieme dei singoli soggetti ai quali va garantito il diritto alla salute, coesiste, insieme al sistema di mercato, il controllo pubblico, vale a dire il controllo della amministrazione pubblica sui soggetti che agiscono in ambito sanitario Tale sistema, la cui complessità deriva principalmente dall’esistenza di 26 sistemi sanitari facenti capo ai corrispondenti Cantoni, risulta oggi regolato, a livello federale, dalla disciplina normativa in tema di tutela della salute contenuta nella LAMal. Al riguardo, non sembrano da sottovalutare gli spunti di riflessione cui può indurre l’analisi del modello elvetico di organizzazione sanitaria, soprattutto se considerato in un’ottica di organizzazione statale decentrata, pur tuttavia efficiente

Brevi spunti sul diritto alla salute nella Confederazione Elvetica

MACCHIA, Patrizia
2014-01-01

Abstract

Storicamente, il sistema sanitario elvetico si è sviluppato secondo principi politici ed ideologici che sono ancora oggi alla base della normativa in materia e che pongono in evidenzia quattro principali caratteristiche: la posizione predominante della medicina curativa, il federalismo che attribuisce un ruolo sussidiario alla Confederazione, il liberismo che determina una prevalenza del settore privato, corretto e limitato da una concezione sociale dello Stato. Federazione e Cantoni, negli ultimi due secoli, hanno poi avviato una collaborazione tra i diversi livelli governativi, che risulta oggi ulteriore elemento caratterizzante il sistema sanitario elvetico. A livello costituzionale, non esiste un diritto alla salute paragonabile al nostro art. 32 Cost., esistono però più disposizioni che attribuiscono alla Confederazione specifiche competenze nel settore della sanità. In esso prevale un modello liberale, improntato su di un sistema di assicurazione obbligatoria diretta alla soddisfazione dei bisogni della collettività; la funzione statale è volta a garantire che le spese, sostenute dai singoli per le prestazioni sanitarie, vengano coperte dai soggetti assicuratori, e pertanto non viene individuato nello Stato il soggetto erogatore di prestazioni e servizi. Trattandosi però di un settore a rilevanza pubblicistica, che riguarda l’insieme dei singoli soggetti ai quali va garantito il diritto alla salute, coesiste, insieme al sistema di mercato, il controllo pubblico, vale a dire il controllo della amministrazione pubblica sui soggetti che agiscono in ambito sanitario Tale sistema, la cui complessità deriva principalmente dall’esistenza di 26 sistemi sanitari facenti capo ai corrispondenti Cantoni, risulta oggi regolato, a livello federale, dalla disciplina normativa in tema di tutela della salute contenuta nella LAMal. Al riguardo, non sembrano da sottovalutare gli spunti di riflessione cui può indurre l’analisi del modello elvetico di organizzazione sanitaria, soprattutto se considerato in un’ottica di organizzazione statale decentrata, pur tuttavia efficiente
2
662
694
patrizia macchia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CH dir salute 2014 Libertà (art) ((Macchia) (662-694).pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 292.66 kB
Formato Adobe PDF
292.66 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
FILE MACCHIA DPCE_ Brevi spunti.pdf

Open Access dal 04/02/2014

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 299.72 kB
Formato Adobe PDF
299.72 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/154413
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact