Lo stile Olivetti, dalla macchina al Logos