L'onere e l'onore della prova: esiste una frustrazione ottimale?