La ricerca tecnologica che da sempre ha caratterizzato l’immagine dell’Olivetti, “prima fabbrica italiana di macchine per scrivere”, è stata costantemente accompagnata da una particolare attenzione verso i modi e le forme della comunicazione commerciale. In questa direzione si pone la scelta di istituire fin dal 1931 un Ufficio Sviluppo e Pubblicità interno all'azienda, affidato a personalità di spicco nell'ambito della grafica e del design, dell’arte e della letteratura. Alla presentazione dei nuovi prodotti sono chiamati poeti e intellettuali che lasceranno nei testi un’impronta d’autore. «Dai grovigli della scrittura [...] ai caratteri d’acciaio», la pubblicità realizzata nell'arco di oltre 50 anni mostra lo sviluppo di un linguaggio originale e creativo, capace di interpretare - e spesso anticipare - i valori e le idee del tempo. Attraverso l’esame di documenti e materiali d’archivio, il contributo si propone di evidenziare le specificità linguistiche delle presentazioni pubblicitarie dei nuovi prodotti, dai primi esempi agli anni Settanta, osservando l’evoluzione in diacronia del messaggio pubblicitario e valutandone la peculiarità rispetto alle scelte di settore realizzate nello stesso periodo.

Lingua d’autore nella pubblicità: il caso Olivetti

PAPA, ELENA
2016

Abstract

La ricerca tecnologica che da sempre ha caratterizzato l’immagine dell’Olivetti, “prima fabbrica italiana di macchine per scrivere”, è stata costantemente accompagnata da una particolare attenzione verso i modi e le forme della comunicazione commerciale. In questa direzione si pone la scelta di istituire fin dal 1931 un Ufficio Sviluppo e Pubblicità interno all'azienda, affidato a personalità di spicco nell'ambito della grafica e del design, dell’arte e della letteratura. Alla presentazione dei nuovi prodotti sono chiamati poeti e intellettuali che lasceranno nei testi un’impronta d’autore. «Dai grovigli della scrittura [...] ai caratteri d’acciaio», la pubblicità realizzata nell'arco di oltre 50 anni mostra lo sviluppo di un linguaggio originale e creativo, capace di interpretare - e spesso anticipare - i valori e le idee del tempo. Attraverso l’esame di documenti e materiali d’archivio, il contributo si propone di evidenziare le specificità linguistiche delle presentazioni pubblicitarie dei nuovi prodotti, dai primi esempi agli anni Settanta, osservando l’evoluzione in diacronia del messaggio pubblicitario e valutandone la peculiarità rispetto alle scelte di settore realizzate nello stesso periodo.
La lingua variabile nei testi letterari, artistici e funzionali contemporanei. Analisi, interpretazione, traduzione
Cesati-Centro di studi filologici e linguistici siciliani
681
697
8876675663
lingua della pubblicità, Olivetti, linguaggi specialistici, pubblicità del Novecento, evoluzione linguistica
Papa, Elena
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
43. Papa.pdf

Accesso aperto con embargo fino al 31/05/2021

Descrizione: pdf editoriale
Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 168.88 kB
Formato Adobe PDF
168.88 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1560974
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact