“Nidi d’infanzia” nel contesto postmoderno