Due paesi mediterranei, Israele e l’Italia, condividono maggiori similitudini storiche e strutturali di quanto non si creda generalmente, anche in presenza di profonde differenze demografiche, sociali, economiche e culturali. Dopo una descrizione delle principali caratteristiche della popolazione israeliana, seguono diversi confronti con la popolazione e la società italiana: una sintesi di alcuni principali indicatori sociali, e un’analisi più approfondita della fecondità, della mortalità e dell’invecchiamento della popolazione. Questi confronti rivelano diversi meccanismi che operano in parallelo in entrambi i paesi. I livelli di fecondità, alti in Israele e bassi in Italia, svolgono un ruolo primario nel determinare il grado di invecchiamento demografico e i costi sociali che ne derivano. Nei due paesi esiste una forte eterogeneità nella distribuzione territoriale dell’invecchiamento, in entrambi secondo un asse Nord-Sud o anche centro-periferia. Tali divari territoriali in parte riflettono passate differenze regionali negli investimenti nel capitale umano e nello sviluppo socioeconomico e potrebbero trasformarsi in causa di squilibri socioeconomici regionali in futuro. Per altri aspetti, le differenze sono maggiori tra i due paesi che non entro ciascuno di essi. La crescita demografica è stata molto più veloce in Israele che in Italia, periodicamente spinta da forte immigrazione ma anche da persistenti alti tassi di fecondità. Nonostante la rapida crescita, Israele è riuscita a raggiungere livelli relativamente alti di sviluppo umano e socioeconomico, superando in molti casi i risultati dell’Italia le cui infrastrutture e capacità iniziali erano in complesso molto più solide e risalenti nel tempo.

TWO MEDITERRANEAN POPULATIONS: ISRAELAND ITALY COMPARED

GRUBANOV BOSKOVIC, SARA
2015

Abstract

Due paesi mediterranei, Israele e l’Italia, condividono maggiori similitudini storiche e strutturali di quanto non si creda generalmente, anche in presenza di profonde differenze demografiche, sociali, economiche e culturali. Dopo una descrizione delle principali caratteristiche della popolazione israeliana, seguono diversi confronti con la popolazione e la società italiana: una sintesi di alcuni principali indicatori sociali, e un’analisi più approfondita della fecondità, della mortalità e dell’invecchiamento della popolazione. Questi confronti rivelano diversi meccanismi che operano in parallelo in entrambi i paesi. I livelli di fecondità, alti in Israele e bassi in Italia, svolgono un ruolo primario nel determinare il grado di invecchiamento demografico e i costi sociali che ne derivano. Nei due paesi esiste una forte eterogeneità nella distribuzione territoriale dell’invecchiamento, in entrambi secondo un asse Nord-Sud o anche centro-periferia. Tali divari territoriali in parte riflettono passate differenze regionali negli investimenti nel capitale umano e nello sviluppo socioeconomico e potrebbero trasformarsi in causa di squilibri socioeconomici regionali in futuro. Per altri aspetti, le differenze sono maggiori tra i due paesi che non entro ciascuno di essi. La crescita demografica è stata molto più veloce in Israele che in Italia, periodicamente spinta da forte immigrazione ma anche da persistenti alti tassi di fecondità. Nonostante la rapida crescita, Israele è riuscita a raggiungere livelli relativamente alti di sviluppo umano e socioeconomico, superando in molti casi i risultati dell’Italia le cui infrastrutture e capacità iniziali erano in complesso molto più solide e risalenti nel tempo.
IL POLITICO
LXXX
2-3
103
140
Italy, Israel, Population, Fertility, Population Aging
Dellapergola, Sergio; Grubanov-Boskovic, Sara
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
_Il_Politico_2-3-2015.103-140.pdf

non disponibili

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 2.03 MB
Formato Adobe PDF
2.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1583216
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact