Durante le ultime due decadi, il tasso di prevalenza di immigrati all’interno della popolazione di Torino, così come il loro coinvolgimento in qualità di autori di reati perpetrati con armi bianche, è aumentato, a fronte di una riduzione del numero totale di omicidi, commessi tanto da individui italiani quanto da quelli stranieri. Lo scopo di questo studio è stato la ricerca dell’eventuale presenza di pattern caratteristici all’interno di determinati gruppi etnici; si è quindi cercato, attraverso la raccolta di informazioni relative alle vittime (reperite dalle relazioni medico legali sulle cause di morte) e ai colpevoli (ottenute principalmente tramite la consultazione dei verbali delle Forze dell’Ordine), di analizzare le tipologie di ferite, mortali e non, in relazione all’uso di arma bianca, e di correlare il Paese di provenienza del colpevole con le cause e la sede dell’aggressione, le modalità della medesima, la tipologia delle lesioni, gli aspetti temporali, e la presenza o l’assenza di lesioni da difesa o da accanimento e di segni di costrizione.

ANALISI DEGLI OMICIDI DA ARMA BIANCA OSSERVATI NEL SETTORATO MEDICO LEGALE TORINESE NEL PERIODO 1991-2010 CON SPECIFICO RIFERIMENTO AI FLUSSI MIGRATORI / Dario, Ceccarelli; Sarah, Gino. - In: RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE. - ISSN 1124-3376. - :1(2016), pp. 153-165.

ANALISI DEGLI OMICIDI DA ARMA BIANCA OSSERVATI NEL SETTORATO MEDICO LEGALE TORINESE NEL PERIODO 1991-2010 CON SPECIFICO RIFERIMENTO AI FLUSSI MIGRATORI

GINO, Sarah
2016

Abstract

Durante le ultime due decadi, il tasso di prevalenza di immigrati all’interno della popolazione di Torino, così come il loro coinvolgimento in qualità di autori di reati perpetrati con armi bianche, è aumentato, a fronte di una riduzione del numero totale di omicidi, commessi tanto da individui italiani quanto da quelli stranieri. Lo scopo di questo studio è stato la ricerca dell’eventuale presenza di pattern caratteristici all’interno di determinati gruppi etnici; si è quindi cercato, attraverso la raccolta di informazioni relative alle vittime (reperite dalle relazioni medico legali sulle cause di morte) e ai colpevoli (ottenute principalmente tramite la consultazione dei verbali delle Forze dell’Ordine), di analizzare le tipologie di ferite, mortali e non, in relazione all’uso di arma bianca, e di correlare il Paese di provenienza del colpevole con le cause e la sede dell’aggressione, le modalità della medesima, la tipologia delle lesioni, gli aspetti temporali, e la presenza o l’assenza di lesioni da difesa o da accanimento e di segni di costrizione.
1
153
165
scienze forensi, ferita da taglio, colpevole straniero, arma bianca, etnia
Dario, Ceccarelli; Sarah, Gino
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
08_Ceccarelli.pdf

Accesso riservato

Descrizione: bozza editoriale articolo
Tipo di file: PREPRINT (PRIMA BOZZA)
Dimensione 584.58 kB
Formato Adobe PDF
584.58 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1583312
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact