Giovan Leone Sempronio tra «lusus» amoroso e armi cristiane