"Assenza più acuta presenza". Sul concetto di abhava come trattato nelle introduzioni medievali al Navyanyaya