La Cina e la Grande Guerra, tra nazionalismo popolare e accordi segreti