«Avanguardia nella tecnica»: lo Stile Olivetti e i nomi delle macchine