Educazione e malattia: un incontro possibile?