A sei mesi dall’inaugurazione del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso”, avvenuta il 27 novembre 2009, movimenti di diversa natura (politici, religiosi, …) hanno sollevato polemiche sull’esposizione di parte della collezione anatomica del museo, che consta di circa 600 crani. Le contestazioni sono state mosse in particolare verso un reperto: il cranio di Giuseppe Villella, icona della teoria sull’atavismo criminale di Lombroso. Nel maggio del 2010 si è costituito il “Comitato No Lombroso”, che ha sviluppato un’ampia campagna mediatica contro il museo. Inoltre, il sindaco del paese natale di Villella, Motta Santa Lucia (Catanzaro), ha intentato una causa nei confronti dell’Università di Torino per ottenere la “restituzione” del cranio di Villella. In seguito a queste vicende, l’analisi del libro dei visitatori, limitata al periodo ottobre 2012 - gennaio 2013, che corrisponde alla massima attenzione al caso da parte dei media nazionali e dei social network, ha permesso di fare una prima valutazione sulla percezione da parte del pubblico dell’esposizione della collezione craniologica con particolare attenzione al reperto in questione.

Il “caso Villella” e il libro dei visitatori del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” dell’Università di Torino

MANGIAPANE, GIANLUIGI;CILLI, Cristina;GIACOBINI, Giacomo;MALERBA, Giancarla;MONTALDO, Silvano
2016

Abstract

A sei mesi dall’inaugurazione del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso”, avvenuta il 27 novembre 2009, movimenti di diversa natura (politici, religiosi, …) hanno sollevato polemiche sull’esposizione di parte della collezione anatomica del museo, che consta di circa 600 crani. Le contestazioni sono state mosse in particolare verso un reperto: il cranio di Giuseppe Villella, icona della teoria sull’atavismo criminale di Lombroso. Nel maggio del 2010 si è costituito il “Comitato No Lombroso”, che ha sviluppato un’ampia campagna mediatica contro il museo. Inoltre, il sindaco del paese natale di Villella, Motta Santa Lucia (Catanzaro), ha intentato una causa nei confronti dell’Università di Torino per ottenere la “restituzione” del cranio di Villella. In seguito a queste vicende, l’analisi del libro dei visitatori, limitata al periodo ottobre 2012 - gennaio 2013, che corrisponde alla massima attenzione al caso da parte dei media nazionali e dei social network, ha permesso di fare una prima valutazione sulla percezione da parte del pubblico dell’esposizione della collezione craniologica con particolare attenzione al reperto in questione.
Allestire per comunicare nei musei scientifici
Associazione Nazionale Musei Scientifici
Museologia Scientifica Memorie
15
121
124
libro dei visitatori, esposizione di resti umani, Giuseppe Villella, cranio, media
Mangiapane, Gianluigi; Cilli, Cristina; Giacobini, Giacomo; Montaldo, Giancarla Malerba; Silvano, Montaldo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
121-124Mangiapane_et_al2016.pdf

accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 4.35 MB
Formato Adobe PDF
4.35 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1626124
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact