Paolo Sarpi, Marcantonio De Dominis e i latitudinari della seconda generazione