La quotidianità dell’orafo altomedievale, tra stanzialità e mobilità