Classici e computer: verso la transdisciplinarità?