Le frontiere tra i vari stati alpini, che si sono a lungo volute dimenticare a favore di una rappresentazione unitaria della regione alpina, hanno sino ad ora ostacolato non poco il fluire di informazioni tra studiosi e operatori di diverse nazionalità riguardo ai recenti flussi migratori (volontari o forzati) verso le Alpi. Questi fenomeni non hanno mancato di attrarre l'attenzione dei media, ma al tempo stesso hanno messo a nudo sorprendenti carenze di informazione. In questo senso il lavoro avviato da un recente incontro inter-alpino su rifugiati e richiedenti asilo tenutosi a Salecina (Svizzera) appare della massima importanza.

Alpi, frontiere, migranti: variabilità politica e socio-strutturale nello spazio alpino

VIAZZO, Piero
2017

Abstract

Le frontiere tra i vari stati alpini, che si sono a lungo volute dimenticare a favore di una rappresentazione unitaria della regione alpina, hanno sino ad ora ostacolato non poco il fluire di informazioni tra studiosi e operatori di diverse nazionalità riguardo ai recenti flussi migratori (volontari o forzati) verso le Alpi. Questi fenomeni non hanno mancato di attrarre l'attenzione dei media, ma al tempo stesso hanno messo a nudo sorprendenti carenze di informazione. In questo senso il lavoro avviato da un recente incontro inter-alpino su rifugiati e richiedenti asilo tenutosi a Salecina (Svizzera) appare della massima importanza.
79
3
4
https://issuu.com/dislivelli/docs
Alpi, frontiere, rifugiati, richiedenti asilo
Pier Paolo Viazzo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Viazzo 2017.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 2.26 MB
Formato Adobe PDF
2.26 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1647402
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact