'Ciò che resta'. Commento a Le parentesi di Fabio Pusterla (da Concessione all'inverno)