Agli scrittori interessa il "bene comune"?