Animali, morti, trasformazioni: la fluidità delle cosmologie amerindiane