Il caso degli scrittori sovietici pubblicati da Mursia