Dalle «società» alle «organizzazioni collettive»: una possibile traiettoria evolutiva dell’«arbitrato societario»?