Territorialità aumentata ovvero la sfida della compressione spazio-temporale