La Cgil di fronte all'Atto unico europeo e al Trattato di Maastricht