La protezione del patrimonio delle “persone deboli”