Il saggio analizza l'innovativo diritto alla disconnessione, riconosciuto nel nostro ordinamento ai lavoratori agili dalla l. 22 maggio 2017, n. 81. L'autrice, dopo aver effettuato un raffronto critico con le disposizioni varate in altri ordinamenti europei, si sofferma sul nodo della fluidità spazio-temporale che costituisce non soltanto il principale punto di forza del lavoro agile ma anche quello di maggiore debolezza, ricercando possibili argini giuridici alla time porosity.

Il diritto alla disconnessione del lavoratore agile

Anna Fenoglio
2018

Abstract

Il saggio analizza l'innovativo diritto alla disconnessione, riconosciuto nel nostro ordinamento ai lavoratori agili dalla l. 22 maggio 2017, n. 81. L'autrice, dopo aver effettuato un raffronto critico con le disposizioni varate in altri ordinamenti europei, si sofferma sul nodo della fluidità spazio-temporale che costituisce non soltanto il principale punto di forza del lavoro agile ma anche quello di maggiore debolezza, ricercando possibili argini giuridici alla time porosity.
Commentario breve allo Statuto del lavoro autonomo e del lavoro agile
Cedam
547
562
978-88-13-36584-4
lavoro agile - smart work - diritto alla disconnessione - time porosity
Anna Fenoglio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fenoglio_estratto_diritto disconnessione_saggio in volume Zilio Grandi e Biasi.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 561.43 kB
Formato Adobe PDF
561.43 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1670716
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact