Unità e pluralità dei mezzi artistici: da Martin Heidegger a Daniel Albright