Identità e narrazione: la posizione ricoeuriana alla prova dei social network