Tebe nella Commedia: tra Ovidio e Stazio