La dote e il governo della famiglia negli statuti sommarivesi