Il Vangelo ebraico/aramaico di Matteo, il Vangelo di Marcione e la formazione del “vangelo tetramorfo”