In margine a due recenti volumi sulla democrazia