La (non) protezione dell’identità religiosa dell’individuo nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo