Il lavoro ha ad oggetto l’applicazione del principio di uguaglianza nei confronti degli stranieri. Muovendo dall'esame di alcune fonti regionali, locali e statali che hanno stabilito forme di differenziazione nel godimento di certi diritti (soprattutto sociali) tra cittadini italiani e stranieri, il contributo dà conto delle “reazioni” della giurisprudenza - costituzionale, ordinaria e amministrativa - che spesso ha sanzionato previsioni normative lesive dei diritti degli stranieri, sulla base dell’art. 3 Cost. e appoggiandosi, altresì, al diritto dell’Unione europea.

Fonti del diritto e (in)attuazione del principio di uguaglianza

G. SOBRINO
2017

Abstract

Il lavoro ha ad oggetto l’applicazione del principio di uguaglianza nei confronti degli stranieri. Muovendo dall'esame di alcune fonti regionali, locali e statali che hanno stabilito forme di differenziazione nel godimento di certi diritti (soprattutto sociali) tra cittadini italiani e stranieri, il contributo dà conto delle “reazioni” della giurisprudenza - costituzionale, ordinaria e amministrativa - che spesso ha sanzionato previsioni normative lesive dei diritti degli stranieri, sulla base dell’art. 3 Cost. e appoggiandosi, altresì, al diritto dell’Unione europea.
Diritti uguali per tutti? Gli stranieri e la garanzia dell'uguaglianza formale
FRANCO ANGELI
IDN - I DIRITTI NEGATI
19
66
978-88-917-5204-8
Fonti del diritto, principio di uguaglianza, stranieri, discriminazioni, Corte Costituzionale
G. SOBRINO
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1693264
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact