L'articolo costituisce un commento critico alla sentenza n. 170/2018 della Corte Costituzionale, riguardante il problema dell’attività politica dei magistrati e, in particolare, dell’ammissibilità – e degli eventuali limiti – della loro partecipazione alla vita di un partito, specialmente nell’ipotesi in cui essi concorrano e vengano eletti ad una carica politica.

Magistrati in politica: dalla Corte costituzionale un forte richiamo all'indipendenza (ed alla sua immagine esteriore)

G. SOBRINO
2018

Abstract

L'articolo costituisce un commento critico alla sentenza n. 170/2018 della Corte Costituzionale, riguardante il problema dell’attività politica dei magistrati e, in particolare, dell’ammissibilità – e degli eventuali limiti – della loro partecipazione alla vita di un partito, specialmente nell’ipotesi in cui essi concorrano e vengano eletti ad una carica politica.
38
4/2018
908
910
https://www.rivisteweb.it/issn/0392-6664/issue/7567
Magistrati, responsabilità disciplinare, indipendenza, politica, Corte Costituzionale
G. SOBRINO
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
G. Sobrino - Magistrati 'in' politica (Quad. cost.).pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 248.93 kB
Formato Adobe PDF
248.93 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1693271
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact