Ipotesi su alcuni caratteri nazional-specifici del romanzo italiano