Effetti ovidiani nella scrittura di Stazio