Nel clima di recupero, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico antico e medievale che interessò l’arco alpino occidentale nel corso del XIX secolo, un episodio significativo fu, nel 1858, il ritrovamento nella cattedrale di Saint-Jean de Maurienne dell’affresco con il Compianto sul Cristo morto, oggi attribuito ad Antoine de Lonhy, importante figura di artista poliedrico e itinerante che, dopo la formazione in Borgogna e un periodo di attività a Tolosa e a Barcellona, all’inizio degli anni Sessanta del 1400 si trasferì nel ducato di Savoia. Attraverso la lettura delle pubblicazioni delle accademie savoiarde dell’epoca e lo spoglio dei documenti d’archivio, questo articolo ripercorre le tappe di questo ritrovamento, che non è solo un interessante esempio di fortuna critica del Medioevo nell’Ottocento, ma è anche uno dei molteplici indizi da cui emerge la ricchezza decorativa che dovette contraddistinguere l’interno della cattedrale di Saint-Jean de Maurienne: ricchezza che andò in gran parte perduta sia nei vari rifacimenti che interessarono l’edificio dal XVII secolo in avanti, sia a seguito delle devastazioni operate durante la Rivoluzione francese.

À propos de la découverte de la Mise au tombeau d’Antoine de Lonhy à Saint-Jean-de-Maurienne

GIOVANNA SARONI
2019

Abstract

Nel clima di recupero, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico antico e medievale che interessò l’arco alpino occidentale nel corso del XIX secolo, un episodio significativo fu, nel 1858, il ritrovamento nella cattedrale di Saint-Jean de Maurienne dell’affresco con il Compianto sul Cristo morto, oggi attribuito ad Antoine de Lonhy, importante figura di artista poliedrico e itinerante che, dopo la formazione in Borgogna e un periodo di attività a Tolosa e a Barcellona, all’inizio degli anni Sessanta del 1400 si trasferì nel ducato di Savoia. Attraverso la lettura delle pubblicazioni delle accademie savoiarde dell’epoca e lo spoglio dei documenti d’archivio, questo articolo ripercorre le tappe di questo ritrovamento, che non è solo un interessante esempio di fortuna critica del Medioevo nell’Ottocento, ma è anche uno dei molteplici indizi da cui emerge la ricchezza decorativa che dovette contraddistinguere l’interno della cattedrale di Saint-Jean de Maurienne: ricchezza che andò in gran parte perduta sia nei vari rifacimenti che interessarono l’edificio dal XVII secolo in avanti, sia a seguito delle devastazioni operate durante la Rivoluzione francese.
177
2
139
150
La cattedrale di Saint-Jean-de-Maurienne nella seconda metà del XIX secolo, Il ruolo delle Accademie e delle sociétés savantes della Savoia nella riscoperta del Medioevo nell'arco alpino occidentale, Antoine de Lonhy, Storia del restauro tra XIX e XX secolo
GIOVANNA SARONI
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Lonhy Bulletin monumental.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 1.19 MB
Formato Adobe PDF
1.19 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1704790
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact