Maschere trasparenti, volti da mangiare. Fisiognomica e cinema muto