recensione a Manlio Bellomo, Il doppio Medioevo