Il "lirismo sintetico" di Domenico Buratti